Grotte del Passetto di Ancona
ActionContemporaneoDegradatoDrammaticoHorrorMediterraneoNoirRomanticoThrillerASPETTO E CONDIZIONE - AlternativoASPETTO E CONDIZIONE - PopolareASPETTO E CONDIZIONE - TradizionaleSTILE - Anni '70
Descrizione

Il rione del Passetto è nato negli anni sessanta. Ha il suo centro in piazza IV Novembre, la piazza che ospita il Monumento ai Caduti della Prima guerra mondiale. È posto al termine del lungo viale della Vittoria ed è collegato alla sottostante spiaggia del Passetto attraverso due ampie scalinate. Fu progettato negli anni venti da Guido Cirilli in forma di un tempio circolare (monoptero) caratterizzato da un ordine dorico elegantemente reinterpretato. La costruzione ha otto colonne scanalate, è posta al di sopra di una scalinata circolare concentrica ed è realizzata interamente in pietra d'Istria. Il basamento è decorato con elmi e spade, simboli rispettivamente di difesa e di attacco. Al centro si trova un piccolo altare. Nel fastigio sono riportati i versi del grande poeta italiano nato a pochi chilometri da Ancona, a Recanati:« Beatissimi voi,/Ch'offriste il petto alle nemiche lance/ Per amor di costei ch'al Sol vi diede »(All'Italia, dai Canti di Giacomo Leopardi; vv. 84-86). Diffusa è la credenza che, vista dal mare, l'intera struttura, comprese le scalinate, sembri un'aquila in volo, con le rampe che simboleggiano le ali aperte, ed il monumento che fa da testa coronata. 

Caratteristica principale del rione è quella di essere affacciato su un tratto di costa alta; dai principali luoghi pubblici e da gran parte delle abitazioni private si può godere di un'ampia vista sul mare e sulle rupi. Peculiarità di questo tratto di costa è la presenza di più di cento grotte scavate nella roccia nel periodo che va dalla metà dell'Ottocento agli anni sessanta, originariamente usate come ricovero di imbarcazioni. I frequentatori delle grotte sono chiamati grottaroli. I cancelli colorati, gli scali per le barche, le attrezzature per la pesca rendono l'insieme suggestivo; caratteristico è anche l'uso di materiali quasi sempre di recupero: traversine ferroviarie usate come sostegno agli scali di alaggio, mattonelle di vario tipo e colore usate per la pavimentazione, arredi scartati dalle case di città e poi riverniciati ed adattati. Oltre che al Passetto, le grotte sono presenti in altri tratti della costa alta di Ancona e assommano complessivamente a circa cinquecento. Esse rappresentano un raro esempio di architettura spontanea armoniosamente inserita in un ambiente naturale.

 

 

Specifiche tecniche

  • Acqua

    Si
  • Energia Elettrica

    Si
  • Accesso

    strada asfaltata, sterrata, sentiero, raggiungibile a piedi
1
/ 5
contatti
Marche Film Commission - Fondazione Marche Cultura

Telefono
+39 071 9951 623/624/625
Indirizzo
Piazza Cavour 23 - 60121 Ancona
Link utili