Castello di Itri

Castello Medievale, Via San Angelo, Itri, LT, Italia

Descrizione

Il castello, posto sulla parte più elevata della collina di Sant’Angelo, è il fulcro simbolico e storico della città di Itri (LT). Sorto nell'882, probabilmente per volere del duca di Gaeta Docibile I, che fece costruire una torre pentagonale circondata da mura, venne modificato dal nipote, Marino I, innalzando la struttura e modificandola a pianta quadrata. Intorno alla metà del XIII secolo, fu poi edificato il torrione cilindrico noto come Torre del Coccodrillo, in base alla leggenda secondo la quale era qui che dimorava un grosso rettile cui venivano dati in pasto i condannati a morte.

Il castello è celebre anche per aver ospitato Giulia Gonzaga, contessa di Fondi, che attorno a sé raccolse un circolo di artisti e intellettuali, da Vittoria Colonna a Sebastiano del Piombo, che la ritrasse, da Pietro Carnesecchi a Juan de Valdés, tra i grandi protagonisti del dibattito riformista degli anni precedenti al Concilio di Trento. Fu molto vicino a lei il cardinale Ippolito de' Medici, che morì proprio a Itri nel 1535.

Bombardato durante la Seconda guerra mondiale, il castello è diventato proprietà del Comune di Latina dal 1979 e ha riaperto al pubblico dal 2003.




Specifiche tecniche

  • Acqua

  • Energia Elettrica

  • Accesso

    Strada asfaltata, Raggiungibile in auto
Contatti

Roma Lazio Film Commission

Via Tuscolana 1055 — 00173 Roma
Telefono: +39 06 72286273/320
Fax: +39 06 722 1127

Italy for Movies è il portale nazionale delle location e degli incentivi alla produzione cinematografica e audiovisiva. Un progetto lanciato nel 2017 dalle Direzioni Generali Cinema e Turismo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (divenuto Ministero per i Beni e le Attività Culturali con D.L. n. 86 del 12/07/2018, convertito c.m. in L. 97/2018, che ha trasferito al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali tutte le funzioni e le competenze in materia di Turismo), realizzato da Istituto Luce Cinecittà in collaborazione con l'associazione Italian Film Commissions.
CREDITS
info@italyformovies.it