Castello di Andraz

Località Castello, 7, 32020 Livinallongo del col di lana BL, Italy

Description

Castello di Andraz, fortilizio medievale dalla caratteristica struttura architettonica, dovuta al fatto che sorge su uno sperone roccioso dominante sulla vallata. Importante baluardo strategico militare in età medievale possiede una struttura straordinaria concepita in funzione dello sperone roccioso su cui giace. 

Alla rocca si accedeva solo da una rampa di pietra (oggi in parte recuperata) che metteva in comunicazione i vari piani sovrapposti. Per i rifornimenti, si ricorreva per questo all'uso di un argano. Attorno allo sperone si trovava una cinta muraria sui  cui resti sono ancora visibili le mensole su cui poggiava il ballatoio utile alle ronde. Presso l'ingresso principale si trovava infine una cappella cinquecentesca (dedicata a San Raffaele), il cui prezioso altare ligneo è oggi conservato presso la chiesa della vicina Andraz.

Le condizioni politiche dovute alle guerre napoleoniche fecero decadere il castello che, abbandonato, fu venduto a privati che lo spogliarono del tetto, nonché degli arredi e delle suppellettili nel corso del 1851. Durante il conflitto del 1915-18 fu gravemente danneggiato quando la zona fu teatro di uno dei fronti di combattimento più cruenti di tutta la prima guerra mondiale. Il castello è stato più volte restaurato, in particolare è stato oggetto nel periodo che va dal 1986 al 2002 di importanti opere di ristrutturazione, consolidamento e restauro accompagnate da approfonditi lavori di scavo archeologico. Il sito ospita oggi un museo che illustra le vicende storiche di Andraz con richiamo alle trasformazioni subite dal castello e dal territorio circostante.

La sacralità del luogo, la concorrenza di più culture, la bellezza del paesaggio e la straordinaria conservazione del’ambiente naturale ne fanno uno dei simboli di maggior fascino dell’area alpina orientale: tanto da fargli meritare il riconoscimento dell’UNESCO delle Dolomiti quale “Patrimonio dell’Umanità”.

Technical specifications

  • Water

    Yes
  • Electricity

    Yes
  • Access

    Tarmac road, Strada regionale 48
Contacts

Veneto Film Commission

Cannaregio 168 - 30121 Venezia
Phone: +39 041 279 2117/2604/3901
Fax: +39 041 2792783
Useful links
Notes

La scheda è stata realizzata in collaborazione con DMO Dolomiti di Belluno.

DMO Dolomiti, acronimo che sta per «destination management organization» è il soggetto individuato dalla nuova normativa regionale per garantire una gestione unitaria e coordinata delle funzioni di informazione, accoglienza, assistenza turistica e promo – commercializzazione dei prodotti turistici della destinazione Dolomiti fino ad oggi gestite separatamente tra pubblico e privato. L’organizzazione svolge diverse attività: dallo sviluppo di studi e ricerche alla realizzazione di mostre e fiere, dall’organizzazione di convegni e corsi di formazione alle azioni di promozione, dalla gestione dei rapporti con banche e istituti finanziari all’acquisizione di beni mobili e immobili e dei servizi necessari allo sviluppo turistico dell’area. Alla DMO potranno partecipare soci privati, come i Consorzi di imprese previsti dalla legge regionale e le associazioni di categoria, e soci pubblici che sono: la Provincia di Belluno, i quindici Comuni con almeno 75 mila presenze turistiche l’anno e la Camera di Commercio. DMO Dolomiti

Tel: +39 (0)437 959 247

Cell 3286185354

E-mail: g.vantaggi.dmo@provincia.belluno.it


Italy for Movies is the national portal for locations and film and audiovisual production incentives. A project launched in 2017 by the Directorate Generals for Film and Tourism of the Ministry for Cultural Heritage and Activities and Tourism (become Ministry for Cultural Heritage and Activities with legislative decree n. 86 of 12/07/2018, subsequently converted into Law 97/2018 with modifications which transferred all the functions and responsibilities relating to Tourism to the Ministry of Agriculture and Forestry), and run by Istituto Luce Cinecittà in partnership with the Italian Film Commissions Association.
CREDITS
info@italyformovies.it