Libera, amore mio!

Libera figlia di un anarchico esiliato a Ustica dal fascismo, sposata con Matteo, finisce a sua volta al confino per 5 anni, dopo essere stata presa di mira dal gerarca fascista Franco Testa prima e durante la guerra. Finita la guerra, scopre che il Testa ha assunto una carica pubblica. Protesta inutilmente prima di essere freddata da un cecchino fascista.

Genere

Film drammatico

Regia

Mauro Bolognini

Cast

Claudia Cardinale, Adolfo Celi, Philippe Leroy, Rosalba Neri, Bekim Fehmiu, Bruno Cirino, Tullio Altamura, Luigi Diberti, Carla Mancini, Franco Balducci, Eleonora Morana, Elisabetta Virgili, Rosita Pisano, Gianni Solaro, Luigi Antonio Guerra

Paese di produzione

Italia

Anno

1975

Produzione

R. Loyola Cinematografica
Libera, amore mio!

Il film di Maura Bolognini racconta della lotta contro i fascisti di una donna, Libera Valente, che finisce per coinvolgere anche la sua famiglia, composta da Matteo Zanoni e dai suoi due figli Carlo e Anna.

Libera, che non riesce a restare indifferente a quello che le accade intorno, si trasferisce prima a Livorno e poi a Modena, di cui nel film è visibile Piazza Grande e la Calle dei Campionesi. Sempre nella zona tra Modena e Soliera, si trova il fiume Secchia, lungo il cui corso è stata girata la scena dell'esplosione organizzata proprio da Libera.

L'ulteriore trasferimento dei protagonisti durante la guerra sposta l'ambientazione a Padova, dove le scene delle brutali fucilazioni fasciste trovano le loro location anche in Emilia Romagna, a Scandiano (RE), di cui si riconosce Piazza della Libertà e la Rocca dei Boiardo.

Alcune riprese hanno inoltre riguardato Roma, in particolare il Piazzale Antonio Tosti, nei pressi di Viale Tor Marancia nel quartiere Ardeatino.

Visita il territorio


Rocca dei Boiardo

Scopri i film girati negli stessi luoghi


Il gioco di Ripley - La lingua del Santo

Scopri di più sulle location


Italy for Movies è il portale nazionale delle location e degli incentivi alla produzione cinematografica e audiovisiva. Un progetto lanciato nel 2017 dalle Direzioni Generali Cinema e Turismo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (divenuto Ministero per i Beni e le Attività Culturali con D.L. n. 86 del 12/07/2018, convertito c.m. in L. 97/2018, che ha trasferito al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali tutte le funzioni e le competenze in materia di Turismo), realizzato da Istituto Luce Cinecittà in collaborazione con l'associazione Italian Film Commissions.
CREDITS
info@italyformovies.it