La partita

Nel XVIII secolo il nobile Francesco Sacredo torna a Venezia dopo 14 mesi di esilio e trova il padre che ha appena perso al gioco tutto il patrimonio, sconfitto dalla contessa Matilde Von Wallenstein. La contessa sfida Francesco a "Totum et nihil" (tutto e niente): se perde è disposta a restituire tutto ma in caso di vittoria l'anima di Francesco apparterrà alla contessa.

Genere

Film avventura

Regia

Carlo Vanzina

Cast

Matthew Modine, Faye Dunaway, Jennifer Beals, Ian Bannen, Federica Moro, Corinne Clery, Feodor Chaliapin Jr., Gianfranco Barra, Sebastiano Busiri Vici, Vernon Welles, Ana Obregón  

Paese di produzione

Italia

Anno

1988

Anno di ambientazione

XVIII secolo

Produzione

Cecchi Gori Group Tiger Cinematografica, Reteitalia
La partita

I luoghi


Francesco è stato lontano da Venezia per 14 mesi: mentre via mare si avvicina alla sua amata città, una panoramica ce la mostra dalla laguna.
Al suo arrivo però lo attende un’amara sorpresa. Invano bussa a Palazzo Soranzo Van Axel la residenza di famiglia (situato nel sestiere di Cannaregio): non vi abita più nessuno perché il padre lo ha perduto al gioco, assieme al resto del suo patrimonio.
L'artefice della sua rovina è la contessa Von Wallenstein, che propone a Francesco di giocare una pericolosa partita a "Totum et nihil": in caso di vittoria rientrerà in possesso di tutto, altrimenti lui stesso sarà proprietà della contessa. La partita si gioca a Palazzo Pisani Moretta. Francesco perde e si dà alla fuga.
Ha così inizio un lunghissimo inseguimento che lo porterà a rifugiarsi da Lucrezia una delle sue amanti veneziane, che vive a Palazzo Stern sul Canal Grande. Lucrezia lo indirizza dalla sorella a Verona. Uno scorcio di Piazza dei Signori (o Piazza Dante), nel centro storico, che sin dal Medioevo assunse funzioni politiche, amministrative e di rappresentanza, dà il benvenuto al protagonista nella città scaligera. Da questo momento nella sua fuga lo accompagnerà Olivia, nobile fanciulla che vuole sfuggire ad un matrimonio infelice.
I due si nascondono in un primo momento a Villa Badoer, cinquecentesca dimora veneta progettata da Palladio sita a Fratta Polesine (RO).  Altra tappa è la casa di Virginia a Mozambano (MN).
A Mantova, a Piazza Sordello, Francesco rubacchia mentre va in scena una commedia, ma stavolta viene sorpreso ed è costretto a scappare nuovamente.
Nel seminare gli inseguitori il giovane si inerpica sulle mura del Castello di Sirmione (BS) bagnato su tutti i lati dalle acque del lago di Garda, di cui si distinguono le merlature a coda di rondine, tipiche delle costruzioni scaligere, e la darsena. Poi a cavallo si addentra nel labirinto di Villa Pisani a Stra (VE), che nel film è Villa Leonora.
Le ultime scene del film sono girate in Francia

Visita il territorio


VENETO
Villa Pisani
Verona


LOMBARDIA
Mantova
Castello di Sirmione
Lago di Garda


Italy for Movies è il portale nazionale delle location e degli incentivi alla produzione cinematografica e audiovisiva. Un progetto lanciato nel 2017 dalle Direzioni Generali Cinema e Turismo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (divenuto Ministero per i Beni e le Attività Culturali con D.L. n. 86 del 12/07/2018, convertito c.m. in L. 97/2018, che ha trasferito al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali tutte le funzioni e le competenze in materia di Turismo), realizzato da Istituto Luce Cinecittà in collaborazione con l'associazione Italian Film Commissions.
CREDITS
info@italyformovies.it