Noi credevamo

Film in quattro capitoli: Le scelteDomenicoAngelo e L'alba della nazione, ambientati durante il Risorgimento. A seguito della repressione borbonica dei moti del 1828, tre giovani del Cilento Salvatore,  Domenico e Angelo, aderiscono alla Giovine Italia di Giuseppe Mazzini. 

Genere

Film drammatico

Regia

Mario Martone

Cast

Luigi Lo Cascio, Valerio Binasco, Toni Servillo, Francesca Inaudi, Andrea Bosca, Luca Zingaretti, Guido Caprino, Renato Carpentieri, Ivan Franek, Stefano Cassetti, Michele Riondino, Edoardo Natoli, Luigi Pisani, Andrea Renzi, Franco Ravera, Roberto De Francesco, Luca Barbareschi, Fiona Shaw, Alfonso Santagata

Paese di produzione

Italia

Anno

2010

Anno di ambientazione

1828 - 1862

Produzione

Palomar, Feltrinelli, Rai Cinema, Les Films d'Ici Rai Fiction, ARTE France

Premi

David di Donatello 2011: Miglior film - Migliore sceneggiatura a Mario Martone e Giancarlo De Cataldo - Migliore fotografia a Renato Berta - Migliore scenografo a Emita Frigato - Migliore costumista a Ursula Patzak - Migliore truccatore a Vittorio Sodano - Migliore acconciatore a Aldo Signoretti / Nastro d'argento 2011: Nastro d'argento dell'anno / Globo d'oro 2011: Gran Premio della Stampa Estera a Mario Martone
Noi credevamo

I luoghi


Il film narra, attraverso i suoi tre protagonisti, alcune vicende del Risorgimento italiano, a partire dai moti rivoluzionari del Cilento, e lo fa collocandole laddove sono realmente accadute.
Uno dei set principali è stato dunque allestito nel Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, in provincia di Salerno, in particolare la narrazione ha avuto come sfondi Roscigno Vecchia, Pollica, Castellabate, Camerota e Palinuro.
Nel secondo episodio, dopo l’esperienza fallimentare della Repubblica Romana, Domenico viene arrestato e condotto, con altri prigionieri politici, nel carcere irpino di Montefusco: le location del carcere sono il Castello di Bovino e il Castello Normanno Angioino di Deliceto (entrambi in provincia di Foggia).
Buona parte del film è girata in Piemonte, tra Torino, Saluzzo, Savigliano (TO) e molte zone del pinerolese, tra cui la maggioranza delle scene ambientate in Francia e Inghilterra.
Significativa è la scelta della location di Castellabate (SA), a pochi chilometri da Sapri, dove il tentativo di sommossa di Carlo Pisacane fu soffocato nel sangue. Qui si è girato, in particolare, sul Portico de “Le Gatte” di Santa Maria di Castellabate, che affaccia su un piccolo porto.
Palinuro è l’altra suggestiva località utilizzata per le riprese: vi si vede il mare, il fiume, la vegetazione e le rocce. Se gli imbarchi avvengono nel mare di Acciaroli, l’Arco naturale di Palinuro, vicino alla foce del fiume Mingardo, fa da sfondo alle scene degli sbarchi. Passando per la Gola del Diavolo, strapiombo su cui si erge il borgo medievale di San Severino, Domenico e Saverio, nel quarto episodio, attraversano in sella ad un cavallo il Mingardo, per unirsi ai garibaldini che sbarcheranno da lì a poco. I due cercano riparo nella zona alta di Palinuro.


Italy for Movies è il portale nazionale delle location e degli incentivi alla produzione cinematografica e audiovisiva. Un progetto lanciato nel 2017 dalle Direzioni Generali Cinema e Turismo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (divenuto Ministero per i Beni e le Attività Culturali con D.L. n. 86 del 12/07/2018, convertito c.m. in L. 97/2018, che ha trasferito al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali tutte le funzioni e le competenze in materia di Turismo), realizzato da Istituto Luce Cinecittà in collaborazione con l'associazione Italian Film Commissions.
CREDITS
info@italyformovies.it