L'accabadora

Annetta è una donna sempre vestita di nero, solitaria e silenziosa, con un terribile segreto. Passa il tempo in attesa di una chiamata e quando arriva apre una vecchia sacca di cuoio contenente una mazzola di legno, un vecchio cuscino, uno specchietto spaccato. Giunta a Cagliari tenterà di ritrovare se stessa lasciandosi alle spalle il doloroso passato.

Genre

Film drammatico

Directed by

Enrico Pau

Cast

Donatella Finocchiaro, Barry Ward, Carolina Crescentini, Sara Serraiocco, Anita Kravos

Country of production

Italia, Irlanda

Year

2015

Setting year

Primi anni '40

Production

Film Kairos, Mammoth Film
L'accabadora

Places


Il film racconta di una Sardegna rurale, ancestrale, bruciata dal sole. È quella fatta rivivere a Collinas (VS), 60 km a nord di Cagliari, case basse in pietra, viottoli, stradine deserte e intorno la campagna (parte delle riprese in esterno sono girate a Giara di Gesturi, un altopiano basaltico nel Medio Campidano). Le scene si svolgono all'interno di un edificio patronale con corte perfettamente conservato. 
Annetta, la protagonista, è dedita ad un'attività a cui l'ha iniziata la madre. La donna accabadora, colei che soleva mettere fine alla sofferenza dei malati terminali provocandone la morte, è una figura quasi magica, al punto che alcuni antropologi dubitano che sia esistita davvero, mentre c'è invece chi ne rileva l'attività in alcune zone isolate della Sardegna fino agli anni '50.
A Cagliari, dove Annetta si reca in cerca della nipote Tecla, si cambia scenario: siamo nel 1943 e la città è gravemente ferita dai bombardamenti, ma tra i tanti sfollati vi fu chi, invece, rimase a tenere in vita la città sotto le bombe. Tra questi, il dottore che custodì le cere anatomiche che l'artista Clemente Susini modellò tra il 1803 e il 1805, nel laboratorio di ceroplastica del Museo della Specola sulla base delle dissezioni su cadaveri eseguite dal sardo Francesco Antonio Boi, professore di anatomia umana dell'università di Cagliari. Questi capolavori della ceroplastica mondiale sono oggi custoditi nella Sala pentagonale della Cittadella dei Musei in piazza Arsenale. A questo medico è ispirato il personaggio di Albert.
Cagliari e irriconoscibile, spettrale: è il primo maggio 1943 quando la cinepresa di Marino Cao catturò le immagini della celebre processione Sant'Egidio tra le macerie di una città distrutta dalle bombe. Queste riprese vengono attribuite, nella finzione scenica, al medico inglese Albert sul finale del film.

Discover more on film locations


Italy for Movies is the national portal for locations and film and audiovisual production incentives. A project launched in 2017 by the Directorate Generals for Film and Tourism of the Ministry for Cultural Heritage and Activities and Tourism (become Ministry for Cultural Heritage and Activities with legislative decree n. 86 of 12/07/2018, subsequently converted into Law 97/2018 with modifications which transferred all the functions and responsibilities relating to Tourism to the Ministry of Agriculture and Forestry), and run by Istituto Luce Cinecittà in partnership with the Italian Film Commissions Association.
CREDITS
info@italyformovies.it