Broken Sword: L'angelo della morte (Game)

Quarto episodio della serie. Il protagonista, George Stobbart, inizia la sua avventura a New York. Una donna gli sottopone un antico manoscritto che indicherebbe la strada per raggiungere un tesoro, l’Angelo della morte, appartenuto a Mosè e in grado di provocare danni irreparabili se finisse nelle mani sbagliate. I loschi malviventi sono sempre in agguato e, ancora una volta, George dovrà confrontarsi con alcuni di loro in giro per il mondo, per accaparrarsi per primo il tesoro. Il tutto con l’immancabile aiuto della compagna Nicole Collard. Dopo il passaggio alla grafica 3D del terzo episodio e le numerose critiche dei fan, Revolution Software ritorna al classico punta-e-clicca, mantenendo tuttavia le tre dimensioni.

Genere

Avventura grafica

Anno

2006

Produzione

THQ
Broken Sword: L'angelo della morte (Game)

George e Nicole si recheranno a Roma. Ad attenderli scenari poco caratterizzati e alcuni stereotipi poco confortanti: i “tipici” mafiosi (o per meglio dire gangster) italiani, esponenti della Chiesa un po’ fanatici e cittadini maleducati. L’intento tuttavia risulta ironico e la fruizione gradevole. La città è rappresentata in maniera verosimile, grazie a elementi quali il ciottolato delle strade, le finestre dei palazzi con le persiane in legno, le automobili e persino i piccioni, tutti elementi riconducibili visivamente a Roma o più in generale a una location italiana.

Visita il territorio


Roma / Portale turistico


Italy for Movies è il portale nazionale delle location e degli incentivi alla produzione cinematografica e audiovisiva. Un progetto lanciato nel 2017 dalle Direzioni Generali Cinema e Turismo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (divenuto Ministero per i Beni e le Attività Culturali con D.L. n. 86 del 12/07/2018, convertito c.m. in L. 97/2018, che ha trasferito al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali tutte le funzioni e le competenze in materia di Turismo), realizzato da Istituto Luce Cinecittà in collaborazione con l'associazione Italian Film Commissions.
CREDITS
info@italyformovies.it