In viaggio con Sorrentino

Per acclamazione, Paolo Sorrentino è per tutti, e per molti anni lo sarà ancora, il custode della Grande Bellezza di Roma e, per traslato, dell’Italia.


La Grande Bellezza di Roma

Una Napoli nascosta

Il ritorno nella Roma papale passando per Latina e Sabaudia

Scopri l'itinerario

I luoghi



La Grande Bellezza di Roma

Questo film, vincitore di Premio Oscar come migliore opera straniera nel 2014, gli ha consegnato le chiavi della città, così come nella sua valigetta misteriosamente le detiene una delle creature notturne raccontate, Stefano, amico delle principesse e “guardiano” dei palazzi più belli, da Palazzo Nuovo a Palazzo Barberini e Palazzo Spada, dalla Villa del Priorato dei Cavalieri di Malta a Villa Medici.

Solo alcune delle porte che si schiudono insieme allo sguardo a mezz’asta di Jep Gambardella, un Toni Servillo che è disincantato cicerone in mezzo all’incanto. Ha ragione lui, Roma devi imparare a passeggiarla mollemente nell’alba di un Lungotevere assonnato, a tenerla nella sequenza intera di un pensiero immacolato scovando il Cupolone da un buco della serratura sull’Aventino, oppure catturarla in un aforisma bruciante lasciandosi alle spalle la fontana di piazza Navona. Allora, diamoci una colonna sonora, il coro nudo di I Lie di David Lang, per esempio, e guardiamo in direzione di quel che Sorrentino ci indica. Ed ecco la rivelazione di una Roma in cui precipitiamo da terrazze vista Colosseo. Che sta nelle orazioni del mattino di bianche suorine svolazzanti, nei profili ghiacciati e perfetti delle statue dei Musei Capitolini, nell’ovale misterioso della Fornarina di Raffaello, nella spada vittoriosa dell’arcangelo Michele in cima a Castel Sant’Angelo, nei vettori miniati in cielo dagli stormi e nella meraviglia dei santi.



Una Napoli nascosta

Ed è bello andare a cercare Sorrentino - che pure di tanto in tanto emigra in America (This Must Be the Place) o in Svizzera (Youth) portando con sé sempre la capacità di tirare al limite dell’altezza, e dei bordi esplorabili, un’inquadratura, incuneandosi nello spazio lasciato libero dalla realtà - anche nella sua Napoli. Quasi non si vede nel suo primo film L’uomo in più, non la vedono i suoi protagonisti, trascinati al bordo della sconfitta. Napoli sta accidentalmente, ancora, nelle Conseguenze dell’amore, drammaticamente nel Divo (portato anche nei sontuosi palazzi torinesi, e a Roma).




Il ritorno nella Roma papale passando per Latina e Sabaudia

L’interno predomina nello scavo di un’anima presepiale, brutta e cattiva come quella dell’Amico di famiglia, girato tra Latina e Sabaudia. Ma di nuovo a Roma si ritorna e, allora, la musica che risuona (poiché ogni inquadratura del regista napoletano sta anche sul pentagramma) è una canzone di Nada, Senza un perché. Serve a portarci sull’ultimo lavoro congedato che è la serie The Young Pope la temeraria sfida, vinta, di raccontare un papa da giovane. Non c’è più Jep, o forse c’è ancora sotto la talare candida del bel papa Belardo interpretato da Jude Law che, come il suo progenitore, ha l’abitudine di vagolare. Roma questa volta è ingegnosa composizione: gli interni di San Pietro ritrovati nella Chiesa dei Santi Luca e Martina, gli appartamenti papali a Palazzo Braschi, i Giardini Vaticani frutto di sintesi. Molto non è vero, completamente ricostruito come la Cappella Sistina o la facciata di San Pietro. Il cinema di Sorrentino, in fondo, è mirabolante fuoco d’artificio.

Italy for Movies è il portale nazionale delle location e degli incentivi alla produzione cinematografica e audiovisiva. Un progetto lanciato nel 2017 dalle Direzioni Generali Cinema e Turismo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (divenuto Ministero per i Beni e le Attività Culturali con D.L. n. 86 del 12/07/2018, convertito c.m. in L. 97/2018, che ha trasferito al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali tutte le funzioni e le competenze in materia di Turismo), realizzato da Istituto Luce Cinecittà in collaborazione con l'associazione Italian Film Commissions.
CREDITS
info@italyformovies.it