007 — La spia che mi amava

All'agente James Bond viene chiesto di indagare sulla sparizione di due sommergibili nucleari, uno sovietico e uno britannico. Insieme alla collega russa Anya Amasova, si troverà a lottare per salvare le città di New York e Mosca dalla distruzione a opera del folle scienziato Karl Stromberg.

Genere

Film Azione, avventura, spionaggio

Regia

Lewis Gilbert

Cast

Roger Moore, Barbara Bach, Curd Jürgens, Richard Kiel, Caroline Munro, Lois Maxwell, Geoffrey Keen, Desmond Llewelyn, Bernard Lee

Paese di produzione

Regno Unito

Anno

1977

Produzione

Albert R. Broccoli
007 — La spia che mi amava

Dopo essersi abilmente liberato di alcuni killer sciatori tra le Alpi austriache, James Bond viene inviato in Egitto, alla ricerca di un microfilm vitale per la salvezza del globo. Le location toccate sono tra le più celebri: l’oasi di Saqqara (la piramide a gradoni di Zoser è sullo sfondo), Il Cairo, Giza, mentre una proiezione sulle tre piramidi e sulla sfinge raccontano la storia d’Egitto, e poi il deserto fino a Luxor, presso il Tempio di Karnak.

Il nemico di turno ha base in Sardegna: Bond ci arriva assieme alla collega russa l'agente Tripla X. Un viaggio in calesse porta i due agenti nel porto di Palau dove prendono possesso della super accessoriata Lotus Esprit bianca. Ufficialmente marito e moglie, la coppia alloggia in un lussuoso hotel nella Baia di Cala di Volpe ad Arzachena (OT) in Costa Smeralda.

Dopo la scoperta della misteriosa petroliera di Stromberg, inizia l’acceso inseguimento tra gli agenti e gli scagnozzi dello scienziato sulle strade di Porto Cervo, per cui vennero utilizzate due Lotus e un totale di 24 automobili. Durante la corsa si distingue San Pantaleo, frazione di Olbia, Santa Teresa di Gallura (SS) dove lo Squalo precipita con la sua automobile nella capanna di un pastore sardo e l’Area naturale marina di Capo Caccia ad Alghero (SS) nei pressi della Grotta Verde, il punto in cui uno dei killer in sella ad un sidecar precipita sugli scogli dopo essere uscito di strada. La corsa termina con la caduta dell’auto in mare dal ponte dell’Hotel Pitrizza, in cui si scoprirà che l’auto può anche diventare un sottomarino, per poi riemergere sulla Spiaggia di Capriccioli tra un gruppo di bagnanti sbalorditi.

Le riprese subacquee furono realizzate a Nassau alle Bahamas.


Italy for Movies è il portale nazionale delle location e degli incentivi alla produzione cinematografica e audiovisiva. Un progetto lanciato nel 2017 dalle Direzioni Generali Cinema e Turismo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (divenuto Ministero per i Beni e le Attività Culturali con D.L. n. 86 del 12/07/2018, convertito c.m. in L. 97/2018, che ha trasferito al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali tutte le funzioni e le competenze in materia di Turismo), realizzato da Istituto Luce Cinecittà in collaborazione con l'associazione Italian Film Commissions.
CREDITS
info@italyformovies.it