Dragon Quest XI: Echi di un'era perduta

Le origini della serie Dragon Quest risalgono al 1986, anno in cui il primo episodio venne pubblicato da Enix su NES. Si tratta di una delle serie di giochi di ruolo più celebri in Giappone, anche più di Final Fantasy. In Occidente è probabilmente meno conosciuta, sebbene la sua popolarità sia aumentata dopo l’uscita dell’ottavo capitolo per PlayStation 2. Numerosi gli episodi e gli spin-off pubblicati nel corso degli anni. Si caratterizza per un approccio molto tradizionale e conservatore al genere dei JRPG.

Genre

Gioco di ruolo

Year

2017

Production

Square Enix

Development

Square Enix
Dragon Quest XI: Echi di un'era perduta

Places


Dopo Final Fantasy XV con la sua Altissia, anche Dragon Quest XI: Echi di un’era perduta contiene un evidente riferimento alla città lagunare. Gondolia, come viene chiamata nell’edizione occidentale del gioco, poggia le proprie fondamenta sull'acqua ed è costellata di ponti, canali e gondole. Lo stile architettonico non risulta tuttavia fedele alla controparte reale, a differenza di quanto visto in Final Fantasy XV. Gli abitanti, nell'edizione anglosassone, parlano un curioso (e stereotipato) mix di inglese e italiano.

Un riferimento, seppur superficiale, a Venezia appare anche in Dragon Quest IV: la città di Canalot (Bonaqua nell’edizione italiana) è costruita sull’acqua e gli spostamenti degli abitanti avvengono attraverso zattere e canali. Il palazzo del re è inoltre sormontato da grifoni alati che rimandano forse ai leoni veneziani?

Visit the area


Venezia

Discover more on film locations


Italy for Movies is the national portal for locations and film and audiovisual production incentives. A project launched in 2017 by the Directorate Generals for Film and Tourism of the Ministry for Cultural Heritage and Activities and Tourism (become Ministry for Cultural Heritage and Activities with legislative decree n. 86 of 12/07/2018, subsequently converted into Law 97/2018 with modifications which transferred all the functions and responsibilities relating to Tourism to the Ministry of Agriculture and Forestry), and run by Istituto Luce Cinecittà in partnership with the Italian Film Commissions Association.
CREDITS
info@italyformovies.it