Le vacanze italiane di Lara Croft (game)

Di certo tutti sanno che la signorina Croft, in Tomb Raider II, si è recata a Venezia in cerca del leggendario pugnale di Xian, artefatto dai presunti poteri magici. Qui, tra calli e canali, la nostra eroina si è addentrata in ville ricche di misteri e passaggi segreti e ha visitato un teatro, presumibilmente il prestigioso Gran Teatro La Fenice. Tra una gondola e l'altra, chi fosse passato da Venezia in quell'estate del 1997 avrebbe potuto incontrare di persona la spericolata eroina, la quale si è addirittura impadronita di un piccolo motoscafo per raggiungere più agilmente i canali che le interessavano.

In Tomb Raider: Chronicles, qualche anno più tardi, sono emersi dettagli affascinanti su un'altra scorribanda italiana della cacciatrice di tesori, una nuova avventura che da Venezia l'ha condotta a Roma. Ripercorrerne i passi può rivelarsi interessante non solo per gli archeologi in erba, ma anche più in generale per chiunque voglia godersi le suggestioni e il fascino della capitale, colta nei suoi scorci più antichi e misteriosi.


Tra le vie di Trastevere

Le insidie dei Fori Imperiali

I misteri del Colosseo

Scopri l'itinerario



Tra le vie di Trastevere

Il maggiordomo Winston ha menzionato una delle prime avventure dell'archeologa alla ricerca della pietra filosofale: quella svoltasi a Roma è stata “una delle sue ricerche più ardue”. Stando al racconto di Winston, la signorina Croft si è recata a un teatro dell'Opera (probabilmente Teatro Costanzi, in Piazza Gigli) per scambiare una lauta somma di denaro con un prezioso cimelio, necessario all'ottenimento della pietra ed entrato in possesso di alcuni trafficanti di reliquie. Al momento dello scambio i due sono però fuggiti sia con la valigetta di soldi, sia con l'indispensabile oggetto. All'inseguimento, Lara è finita, o almeno così crediamo, per le vie del Rione Trastevere, le più caratteristiche di Roma: dalla pavimentazione in sanpietrini alle cascate d'edera, dalle fontanelle ai piccoli cortili, dalle tende dei locali alle auto parcheggiate. Di qui, proseguendo oltre il fiume, di passaggio si è dilettata addirittura in un enigma legato alla Bocca della Verità, a pochi passi dal Teatro Marcello, l'antico mascherone a viso d'uomo che compare anche in Vacanze Romane di Wyler e cui sono associate svariate leggende. Se Lara Croft non se ne è interessata di certo, al visitatore è concesso invece di lasciarsi suggestionare dalla possibilità che qualche divinità gli sottragga la mano in caso di menzogna: la meta è una delle più curiose e affascinanti per chi visita la città una prima volta, e merita almeno una foto ricordo.



Le insidie dei Fori Imperiali

La ricerca della nostra eroina è proseguita per i Mercati di Traiano: qui Lara si dev'essere addentrata nelle profondità della struttura, esplorandola in lungo e largo alla scoperta di passaggi segreti e leve nascoste da tirare. Per il visitatore sulle tracce dell'archeologa il sito è visitabile in compagnia del Museo dei Fori Imperiali, che ne illustra e ricompone decorazioni e architetture. Seguire l'itinerario di Lara Croft, che si divincola per i vari piani dei Mercati e procede per zone pericolanti, attraversando con piglio funambolico sezioni crollate o in ristrutturazione, è chiaramente sconsigliato ai visitatori, a meno che non siano avvezzi alla caccia al tesoro estrema.






I misteri del Colosseo

L'ultima tappa del viaggio a Roma alla ricerca della pietra filosofale è stata al Colosseo, che l'eroica archeologa ha raggiunto attraversando una serie di gallerie sotterranee non aperte al pubblico (altrimenti ve le avremmo segnalate!). La giovane ma determinata signorina, dopo aver recuperato i cimeli necessari all'ottenimento della reliquia tanto agognata, ha goduto forse della vista migliore dell'anfiteatro: tramite un sistema di meccanismi nascosti è riuscita a emergervi nel centro esatto. Qui ha poi affrontato una serie di creature chiaramente ispirate agli scontri coi gladiatori, evocate dai trafficanti tramite l'incauto utilizzo di alcune reliquie. Soltanto alla fine, aprendo una stanza segreta, la Croft è riuscita a mettere le mani sulla pietra tanto agognata.

Per il turista il Colosseo non è certo meno appassionante: pensare che tra quelle che adesso sono rovine maestose un tempo si consumassero lotte tra animali, combattimenti e pubbliche esecuzioni che raccoglievano fino a 75.000 spettatori, fa sembrare il monumento ancor più maestoso e imponente, per quanto macabro. Se l'esterno dell'edificio toglie il fiato, l'interno è senz'altro parimenti impressionante: poco importa se non ci si può addentrare nelle profondità della terra come Lara Croft.


Per fortuna, Lara non è morta in Egitto come tutti credevano. È rimasta in compagnia della pietra filosofale per molti anni a seguire, e i ricordi di quel viaggio a Roma non l'hanno mai abbandonata.

Italy for Movies è il portale nazionale delle location e degli incentivi alla produzione cinematografica e audiovisiva. Un progetto lanciato nel 2017 dalle Direzioni Generali Cinema e Turismo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (divenuto Ministero per i Beni e le Attività Culturali con D.L. n. 86 del 12/07/2018, convertito c.m. in L. 97/2018, che ha trasferito al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali tutte le funzioni e le competenze in materia di Turismo), realizzato da Istituto Luce Cinecittà in collaborazione con l'associazione Italian Film Commissions.
CREDITS
info@italyformovies.it