Pasqualino Settebellezze

Nella Napoli degli anni Trenta, Pasqualino è l’unico uomo in una famiglia di 7 donne piuttosto brutte. Condannato per l’omicidio del seduttore della sorella, sconta la pena prima in un manicomio criminale e poi arruolandosi per la guerra dove conosce l’orrore del nazismo. Sopravvive grazie alla filosofia del "tirare a campà", ma l’esperienza lo cambia profondamente.

Genere

Film drammatico

Regia

Lina Wertmüller

Cast

Giancarlo Giannini, Fernando Rey, Elena Fiore, Piero Di Iorio, Shirley Stoler, Roberto Herlitzka, Enzo Vitale, Pietro Ceccarelli, Barbara Valmorin, Anna Recchimuzzi, Francesca Marciano, Ermelinda De Felice, Lucio Amelio, Roberto Erliska, Bianca Doriglia

Paese di produzione

Italia

Anno

1975

Anno di ambientazione

1936-1945

Produzione

Medusa
Pasqualino Settebellezze

Pasqualino Settebellezze è un guappo: di quelli che “si fanno rispettare” mentre passeggia per i vicoli e i saliscendi di Napoli, come le Scale del Moiariello a Capodimonte, fiore all’occhiello, che regalerà ad una signorina in Vico Sopramuro Ave Gratia Plena, e sguardo fiero, mentre attraversa il Ponte della Sanità. Ma la realtà è ben diversa: non si può pensare di essere rispettati se la maggiore delle sorelle fa la prostituta. Don Raffaele, boss locale, glielo rammenta mentre si fa lustrare le scarpe nella Galleria Principe di Napoli. Uno sgarro che richiede un delitto d’onore: questo si consuma ad Aversa (CE) passando per varie vie e piazze e per un'edicola votiva in vicolo Spirito Santo. Tuttavia le cose non vanno come sperato.

Don Raffaele, con la saggezza dell’esperienza, ricorda che al Cimitero delle Fontanelle riposavano in origine, solo 500 scheletri, divenuti col tempo 5.000. Insomma basta essere fantasiosi. Imparata la lezione, Pasqualino ferma un vetturino e si fa portare alla stazione: parte da Piazza del Duomo ad Aversa, attraversa le Rampe di Sant’Antonio, a Napoli, che dall’alto offrono una bellissima veduta del golfo, e arriva nel cortile di Castel Capuano.

A nulla serve: Pasqualino cerca di scappare alla giustizia, tra i tetti e gli archi intorno a Via dei Tribunali, a Napoli, subisce un processo nella Sala dei Busti all’interno di Castel Capuano, viene rinchiuso nel Castello Aragonese di Baia, a Bacoli (Napoli) a poca distanza dallo spiazzo dove giorni prima aveva incontrato una ragazza col pianino promettendole che l’avrebbe sposata nel giro di qualche anno.

Il trasferimento al manicomio criminale avviene attraverso la stazione di Aversa, mentre il lager nazista dove è rinchiuso è l’ex stabilimento delle Cartiere Tiburtine a Tivoli (RM).

Visita il territorio


Napoli


Italy for Movies è il portale nazionale delle location e degli incentivi alla produzione cinematografica e audiovisiva. Un progetto lanciato nel 2017 dalle Direzioni Generali Cinema e Turismo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (divenuto Ministero per i Beni e le Attività Culturali con D.L. n. 86 del 12/07/2018, convertito c.m. in L. 97/2018, che ha trasferito al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali tutte le funzioni e le competenze in materia di Turismo), realizzato da Istituto Luce Cinecittà in collaborazione con l'associazione Italian Film Commissions.
CREDITS
info@italyformovies.it