GLI ANNI PIÙ BELLI: L’OMAGGIO DI MUCCINO A ROMA E AI REGISTI CHE L’HANNO IMMORTALATA
Gli anni più belli: l’omaggio di Muccino a Roma e ai registi che l’hanno immortalata

Una donna, Micaela Ramazzotti, al centro della vita di tre amici Pierfrancesco Favino, Kim Rossi Stuart e Claudio Santamaria. Sullo sfondo l’Italia dei mondiali di calcio dell’82, la caduta del Muro di Berlino, lo scandalo tangentopoli, il crollo delle torri gemelle. E Roma, iconica ed eterna. L’omaggio dell’ultimo film di Gabriele Muccino Gli anni più belli a C’eravamo tanto amati è palese e dichiarato: nel film del 1974 di Ettore Scola, i tre amici, Nino Manfredi, Vittorio Gassman e Stefano Satta Flores erano stati Partigiani durante la guerra, ed hanno un legame che sembra indissolubile. A dividerli, Stefania Sandrelli, ad unirli, gli indimenticabili scorci di Roma, dalla Galleria Sciarra all’Aventino, dal Porto di Ripa Grande sul Lungotevere alla scalinata di Trinità dei Monti, fino alla Fontana di Trevi, dove Federico Fellini sta girando la mitica scena del bagno nella Dolce Vita. Ed è proprio quest’ultimo film, altra cartolina di Roma, che viene citato da Muccino in una scena in cui la Ramazzotti, come Anita Ekberg sessant’anni prima, si tuffa in quel capolavoro di marmo e travertino che il mondo ha conosciuto anche grazie al cinema.

Italy for Movies è il portale nazionale delle location e degli incentivi alla produzione cinematografica e audiovisiva. Un progetto lanciato nel 2017 dalle Direzioni Generali Cinema e Turismo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (divenuto Ministero per i Beni e le Attività Culturali con D.L. n. 86 del 12/07/2018, convertito c.m. in L. 97/2018, che ha trasferito al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali tutte le funzioni e le competenze in materia di Turismo), realizzato da Istituto Luce Cinecittà in collaborazione con l'associazione Italian Film Commissions.
CREDITS
info@italyformovies.it