COVID: TORNANO GIÙ I SIPARI DI CINEMA E TEATRI
Covid: tornano giù i sipari di cinema e teatri

Una nuova stretta per il mondo della cultura è stata imposta ieri con il nuovo DPCM che, per contenere la crescita dei contagi da coronavirus, ha deciso la chiusura, tra le altre cose, di cinema e teatri fino al 24 novembre. Una decisione che ha scatenato la protesta del settore, che ha rivolto appelli e lettere aperte al premier Conte e al ministro Franceschini firmate da sindacati e associazioni (Anec, Agis, Afic, Anac, 100 Autori, Sindacato Giornalisti Cinematografici, Sindacato Critici) e personaggi autorevoli quali Marco Bellocchio, Nanni Moretti, Pupi Avati, Cristina Comencini, Gabriele Salvatores e tanti altri.

Il mondo dello spettacolo ha un volume d’affari annuo di 3,1 miliardi di euro (lo 0,2% del PIL nazionale), e occupa stabilmente 142mila lavoratori. Le chiusure della scorsa primavera hanno provocato danni ingenti, con il 75% in meno di biglietti staccati. Inoltre su 1.218 sale in tutta Italia, il 20% non ha ancora riaperto; le perdite di incassi sono state di 123 milioni di euro. Le misure messe in campo dal MiBACT con il Fondo emergenze per lo spettacolo e la cassa integrazione per i lavoratori hanno in parte attenuato questa catastrofe ma si stima che questo nuovo stop provocherà un’ulteriore perdita di 64 milioni di euro e altre conseguenze negative sull’indotto.

Tra le motivazioni della protesta, l’evidenza, secondo le associazioni di categoria, che i luoghi dello spettacolo si siano rivelati tra i più sicuri, avendo messo in campo tutte le misure anticontagio e di distanziamento sociale, misure per le quali sono stati sostenuti ingenti investimenti. Agis ha rivelato che in quasi 3.000 spettacoli dal vivo realizzati tra il 15 giugno e il 3 ottobre, che hanno coinvolto poco meno di 350mila spettatori, si è registrato un solo caso di contagio.

Il ministro Franceschini, che si è detto addolorato per queste decisioni, ha fatto sapere che le imprese e i lavoratori saranno sostenuti in misura maggiore rispetto ai mesi passati e di aver erogato più di un miliardo di euro per sostenere il settore.

Italy for Movies is the national portal for locations and film and audiovisual production incentives. A project launched in 2017 by the Directorate Generals for Film and Tourism of the Ministry for Cultural Heritage and Activities and Tourism, and run by Istituto Luce Cinecittà in partnership with the Italian Film Commissions Association.
CREDITS
info@italyformovies.it