30 ANNI SENZA UGO TOGNAZZI
30 anni senza Ugo Tognazzi

Il 27 ottobre 1990 ci lasciava Ugo Tognazzi. Era nato a Cremona il 23 marzo 1922 e la sua carriera iniziò in teatro nel secondo dopoguerra grazie a Wanda Osiris. L’esordio al cinema arrivò nel 1950 con I cadetti di Guascogna di Mario Mattoli, ma dall’anno successivo e per tutti gli anni Cinquanta fece coppia fissa con Raimondo Vianello in molte pellicole, ma soprattutto col varietà televisivo Un, due, tre, che fu sospeso nel 1959 a causa di una scenetta satirica sul Presidente della Repubblica Gronchi. Fu licenziato dalla Rai, ma questo non impedì l’ascesa della sua carriera. Luciano Salce lo diresse ne Il federale (1961) stringendo con l’attore un lungo sodalizio.

Fu al servizio di grandi registi come Dino Risi (tra gli altri: La marcia su Roma, 1962, I mostri, 1963, Straziami ma di baci saziami, 1968), Ettore Scola (La terrazza, 1980), ma anche Pasolini, che lo diresse nel 1969 in Porcile, e Bertolucci, per il quale interpretò La tragedia di un uomo ridicolo (1981), che gli fruttò il premio come miglior attore a Cannes.

Vinse anche tre David di Donatello per i ruoli da attore protagonista ne L’immorale (Pietro Germi, 1967), La califfa (Alberto Bevilacqua, 1970), Amici Miei (Mario Monicelli, 1975). Fu proprio con la saga di Amici miei che ci regalò uno dei personaggi più indimenticati del nostro cinema, il conte Raffaello Mascetti, malinconico e squattrinato quanto implacabile quando si trattava di organizzare “zingarate” con i compagni di merende (come dimenticare le sue “supercazzole con scappellamento a destra”?).

Tognazzi fa parte di quel gruppo di "mattatori" che hanno fatto grande il cinema italiano, di cui fanno parte anche Alberto Sordi, Vittorio Gassman e Nino Manfredi, che hanno messo in mostra i difetti, le viltà, le fragilità dell'uomo contemporaneo.

Italy for Movies is the national portal for locations and film and audiovisual production incentives. A project launched in 2017 by the Directorate Generals for Film and Tourism of the Ministry for Cultural Heritage and Activities and Tourism, and run by Istituto Luce Cinecittà in partnership with the Italian Film Commissions Association.
CREDITS
info@italyformovies.it