ROMA RIVEDE LE TARIFFE PER LE RIPRESE NELLE LOCATION CAPITOLINE
Roma rivede le tariffe per le riprese nelle location capitoline

A partire dal 2021 chiunque voglia inserire nei propri prodotti – film, documentari, libri fotografici, gadget etc. – un’immagine del patrimonio culturale di Roma dovrà pagare al Comune parte degli incassi generati dalla propria opera. Si tratta di royalties che variano dal 6% a 10%: un bell’introito per le casse capitoline, viste le tante produzioni milionarie che scelgono Roma per le riprese (l’ultima, Mission Impossible, con Tom Cruise come protagonista tra ottobre e novembre scorsi).

È stato rivisto l’elenco delle 90 location a pagamento per le riprese: a luoghi storici come piazza Navona e piazza di Spagna, piazza Venezia e i Fori Imperiali si aggiungono altri simboli cittadini come piazza di Montecitorio o piazza Colonna; tra i musei si aggiunge la sala Santa Rita, tra i siti non UNESCO che comprendono i ponti sul Tevere e il Verano rientra per la prima volta anche l’Eur. Sono state inoltre aggiornate le tariffe per le riprese: per prodotti senza scopo di lucro da proiettare senza interruzioni pubblicitarie diventano gratuite; i documentari a carattere divulgativo-scientifico vedono abbassarsi le tariffe da 416,67 a 300 euro; film e cortometraggi restano fermi a 1.666,67 euro; salgono da 2.500 a 3.000 euro i prezzi di spot pubblicitari; i filmati catturati con i droni valgono 300 euro per i documentari, 416,77 per le riprese per cinema e tv, 600 euro per la pubblicità (nella foto: le riprese di Mission Impossible 7 a piazza di Spagna).

Italy for Movies is the national portal for locations and film and audiovisual production incentives. A project launched in 2017 by the Directorate Generals for Film and Tourism of the Ministry for Cultural Heritage and Activities and Tourism, and run by Istituto Luce Cinecittà in partnership with the Italian Film Commissions Association.
CREDITS
info@italyformovies.it