ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Generator Le iniziative di MiC e DGCA per sup... | Italy for Movies
Mic, International Coalition for Filmmakers at Risk, Filmmakers for Ukraine, EFAD, Ucraina, Guerra in Ucraina, Ukraine, ucraini, cinema in ucraina, Emergency Fund for Filmmakers, Olga, iniziative a favore dell'Ucraina, solidarietà per l'ucraina, Italy for Movies
Condividi

Le iniziative di MiC e DGCA per supportare il cinema ucraino

07-04-2022

La Direzione generale Cinema e audiovisivo del MiC ha aderito ad alcune iniziative dell'EFAD – European Film Agency Directors per supportare i professionisti del mondo del cinema dell’Ucraina sia nel proprio paese di origine che nei paesi in cui hanno dovuto rifugiarsi a causa della guerra. Queste iniziative consistono in donazioni destinate a due organizzazioni:

  • International Coalition for Filmmakers at Risk  che ha istituito uno speciale “Emergency Fund for Filmmakers” rivolto ai professionisti del cinema in difficoltà a causa della guerra in corso in Ucraina che fornisce micro-sovvenzioni fino ad un massimo di 1500 euro per regista per aiutare in caso di necessità immediata per trasferimenti (internamente o esternamente), per coprire spese mediche o legali, per sfuggire a un pericolo immediato o per allestire una nuova residenza (diversi membri dell’EFAD hanno già donato all’ICFR, tra questi CNC, NFF, FFA).
  • Filmmakers for Ukraine – una piattaforma online da qualche settimana che fornisce aiuto e assistenza ai rifugiati ucraini del settore cinematografico nel trovare lavoro nei paesi in via di ricollocazione e nel supportare coloro che stanno ancora lavorando al proprio film in Ucraina. Filmmakers for Ukraine è coordinata da Crew United, una piattaforma di networking a sua volta supportata da MEDIA.

Il Ministero della Cultura ha inoltre stanziato 2 milioni di euro da dividere equamente (100 mila euro ciascuna) tra 20 fondazioni culturali italiane per finanziare residenze destinate alle artiste e agli artisti ucraini che stanno fuggendo dalla guerra per trovare rifugio in Italia nei rispettivi settori di attività: dal teatro al cinema, dalle arti visive alla lirica, dalla danza alla museologia.
In particolare, i 2 milioni di euro delle risorse dedicate al funzionamento dei soggetti giuridici creati o partecipati dal Ministero della cultura sono ripartiti in quote da 100.000 euro per le seguenti 20 fondazioni: la Fondazione MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo; la Fondazione la Biennale di Venezia; la Fondazione la Triennale di Milano; la Fondazione la Quadriennale di Roma; la Fondazione Museo delle antichità egizie di Torino; la Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma; la Fondazione Accademia Nazionale di S. Cecilia di Roma; la Fondazione Arena di Verona; la Fondazione Lirico Sinfonica Petruzzelli e Teatri di Bari; la Fondazione Teatro alla Scala di Milano; la Fondazione Teatro Carlo Felice di Genova; la Fondazione Teatro Comunale di Bologna; la Fondazione Teatro dell’Opera di Roma; la Fondazione Teatro di San Carlo di Napoli; la Fondazione Teatro la Fenice di Venezia; la Fondazione Teatro Lirico di Cagliari; la Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste; la Fondazione Teatro Maggio Musicale Fiorentino; la Fondazione Teatro Massimo di Palermo; la Fondazione Teatro Regio di Torino.

Per rendere più tempestive ed efficaci le iniziative di solidarietà e sostegno delle singole amministrazioni, Il MiC ha attivato un tavolo di coordinamento.